MOTORI SPECIALI

Sul fronte dello “Speciale”, sviluppiamo soluzioni e configurazioni di Motori Torque ogni qualvolta il nostro cliente concorda e giustifica con noi la convenienza di un’esecuzione “su misura”.

La realizzazione di un motore Torque “Speciale” va presa in considerazione quando la soluzione “Standard” non soddisfa le esigenze o i vincoli imposti da un progetto di applicazione.



La proposta Technai di motori “Speciale” nel progetto elettromagnetico, va presa in esame quando l’applicazione richiede stringenti specifiche morfologiche e/o funzionali. Questa possibilità va considerata dopo aver costatato l’assenza di offerte commerciali adeguate. Progettare un nuovo motore comporta un investimento specifico che si giustifica in una prospettiva di ritorno economico dell’investimento

In questo campo Technai mette a disposizione una lunga esperienza ed un “portfolio” di progetti già realizzati a cui è potenzialmente possibile far ricorso per diminuire i costi di investimento.

-MOTORI TORQUE SPECIALI serie MK-A e MK-M

Questa serie di motori si caratterizza per l’utilizzo di uno schema di avvolgimento “a fasi sovrapposte” e “passo corto”; sono particolarmente adatti per operare come servomotori “torque” in un campo di velocità che si estende sino a coprire la funzione di “mandrino”. Un esempio sono le tavole porta pezzo di macchine utensili con operatività “multitasking” in cui il motore deve assolvere alla funzionalità di “asse di fresatura” (rotazione servo-controllata “lenta”) oltre alla funzionalità di “mandrino per la rotazione di tornitura” (rotazione veloce).

Alcune nostre realizzazioni di motori serie MK-M coprono le prestazioni tipiche degli Elettro mandrini ad alta velocità, tuttavia in questo campo, realizziamo solo soluzioni speciali che risultano competitive quando il set di prestazioni non si sovrappongono a quelle proposte dai fornitori specialisti di roto-statori per Elettro mandrini.

-MOTORI TORQUE SPECIALI serie MK-IN

Questa serie di motori si caratterizza per la configurazione con statore avvolto (primario) “Interno” al rotore (secondario); questa soluzione costruttiva risulta conveniente quando l’applicazione trae uno scontato vantaggio da tale configurazione; un esempio è la motorizzazione di un Rullo motorizzato in cui lo statore avvolto (primario) è montato al suo interno e i poli magnetici sono montati sulla superficie interno dell'anello rotante (secondario).